Capitolo 6 - IL VOLO CON IL PARAPENDIO

EVOLUZIONE STRUTTURALE


Figura 6-2. IRappresentazione schematica (e leggermente enfatizzata) dell'evoluzione del parapendio negli anni.


Nei pochissimi anni trascorsi da quando alcuni temerari correvano disperati per mostruose discese tentando di "staccarsi" dal pendio, attaccati ad un rigonfio "telone", sono stati compiuti progressi che non è esagerato definire "rivoluzionari".

Anche se il pensiero corre ai primi paracadute da lancio (si pensi alle immagini dello sbarco in Normandia), i veri "nonni" del parapendio sono nati molto più recentemente, negli anni '80.

Come vedremo meglio parlando di aerodinamica applicata, infatti, i vecchi "cupoloni" non volavano ma si limitavano a precipitare (e nemmeno troppo lentamente; 6-8 m/sec!): ciò che si chiedeva loro era di rallentare la caduta e nulla più.

Nel tentativo di renderli "direzionabili", negli anni '60 i progettisti si accorsero che era necessaria una modifica radicale: da rotondi a rettangolari (oggi, ellittici). Non soltanto era necessario poter distinguere un "davanti" da un "dietro" (cosa piuttosto difficile con una cupola) ma la vela doveva "procedere" in una direzione precisa e non scendere in verticale. L'intuizione geniale fu quella di costruire la vela doppia, con le bocche di ingresso e le centine, che assumesse, durante il volo, un profilo alare.

Si trattava però di strumenti nei quali la velocità verticale prevaleva largamente su quella orizzontale (erano fatti per scendere) e non possono essere considerati i primi parapendio, anche se qualcuno li utilizzò saltando da strapiombi di centinaia di metri; la rupe sostituiva l'aereo, ma il concetto era identico: qualche secondo di caduta libera e poi l'apertura (si potrebbero chiamare "paradirupi").

Fu soltanto agli inizi degli anni '80 che la velocità orizzontale di alcune vele superò quella verticale, rendendo teoricamente possibile il decollo con pendenze intorno ai 45 gradi.

Negli ultimi anni si sono delineate le grandi linee evolutive che hanno portato ai parapendio attuali:
  • progressivo allungamento e riduzione del camber (diminuzione dello spessore della vela) ottenuto tramite un drastico aumento dei cassoni (e, ovviamente, dei cavetti). Il progressivo allungamento è stato compensato da un altro "allungamento", quello del fascio funicolare nel suo insieme, che ha ulteriormente distanziato il pilota dalla vela;
  • riduzione nelle dimensioni delle "bocche" o, in alcuni casi, riduzione del loro numero (solo gli infracassoni centrali);
  • campanatura: gli stabilizzatori non formano più un angolo deciso con il resto della vela ma ne rappresentano la naturale continuazione.
  • progressivo appiattimento dell'ala e della campanatura: le vele attuali tendono ad essere sempre più piatte e sottili; si riduce in tal modo la resistenza di forma e se ne aumentano le prestazioni.

CRITERI DI SCELTA DI UN PARAPENDIO

Agli "albori" di questo sport esistevano differenze impressionanti tra le diverse ali, sia per quanto riguarda l'efficenza che (ahimè) la sicurezza; le vele ad alte prestazioni presentavano problemi non indifferenti di stabilità (tendevano a "chiudere" con notevole frequenza). Proprio per questo, la storica classificazione tedesca (DHV) suddivideva (e suddivide ancora) le vele in tre classi; la Classe 1 che identifica le più facili e sicure; la Classe 2 comprende vele in grado di recuperare autonomamente il volo rettilineo uniforme; alla "eroica" Classe 3, infine, appartengono le vele che richiedono particolari (ed a volte complesse) manovre di recupero.

LE CLASSI DI OMOLOGAZIONE EUROPEA

La classificazione DHV, ancorché prestigiosa, appare oggi superata grazie soprattutto agli accordi internazionali che hanno portato ad un nuovo standard europeo (certificazione europea ACPUL), in vigore dal 1995.

La ACPUL definisce 4 categorie di parapendio partendo dal tipo di pilota cui si rivolgono:
  • Standard: per il pilota iniziale e quello che vola saltuariamente. Deve essere una vela dotata di grande stabilità iniziale, facilità di gonfiaggio e semplice manovrabilità.
  • Performante: per chi pratica il parapendio con regolarità. Questa vela richiede una maggiore conoscenza del pilotaggio poichè il pilota deve essere in grado di ristabilire l'assetto di volo normale dopo una configurazione inusuale. Il pilota deve possedere un brevetto ed un grado di formazione sufficiente per poter volare, sempre nell'ambito di una pratica regolare, in condizioni aerologiche normali.
  • Competizione: si rivolge all'elite dei piloti che hanno un'attività quasi quotidiana. È indispensabile la capacità di reagire con rapidità e di effettuare analisi oggettive per valutare ed uscire da configurazioni di volo inusuali. I test sono eseguiti seguendo scrupolosamente tecniche di pilotaggio (non necessariamente standard) indicate dal costruttore e vengono realizzati prendendo in esame la stabilità sui tre assi, nel suo aspetto statico e dinamico, con l'intervento del pilota.
  • Biposto: si rivolge ai piloti abilitati a questo tipo di volo; stabilità e possibilità di riprendere un assetto di volo normale dopo configurazioni inusuali impongono a questa categoria test specifici.
Una importante novità è che i test di omologazione vengono eseguiti in modo obbiettivo, seguendo le indicazioni del progettista; la classificazione DHV, invece, vine assegnata prevalentemente in base alle impressioni dei, pur ottimi, piloti collaudatoir dell'ente di certificazione.

La certificazione ACPUL prevede, per le categorie Standard e Performante, fino a 17 manovre (decollo, atterraggio, gamma di velocità, comportamenti conseguenti all'utilizzo di accessori, stabilità di beccheggio, uscita dalla fase paracadutale con i comandi, uscita dalla fase paracadutale con le B rilasciate lentamente oppure rapidamente, sensibilità di virata, manovrabilità, wing over, uscita da una serie di 360 e dagli assetti inusuali) mentre le vele certificate come Competizione debbono superarne "solo" 12 ed i Biposto 14.

In genere le fasi di apprendimento dovrebbero essere compiute con le ali "più facili" e soltanto successivamente ci si può rivolgere a quelle dotate di maggiori prestazioni ma anche "più difficili". Si pensi ad esempio ad un allievo che vuole apprendere le tecniche di wind-surf con un "sinker", quelle microtavole che galleggiano soltanto quando sono in rapido movimento: non vi sono dubbi che sarà grandemente facilitato chi può iniziare con una tavola grossa e stabile, in grado di stare a galla anche da ferma.

La gradualità nell'affrontare le difficoltà è infatti un elemento vincente nell'apprendimento di tutte le discipline.

Inizialmente l'allievo deve poter disporre di un'ala che sia facile da gonfiare, che perdoni ampiamente tutta una serie di errori che egli (verosimilmente) compirà, che voli, insomma, "da sola" senza l'esigenza di un continuo controllo e di continue correzioni.

Successivamente, in base soprattutto alla frequenza dei voli, potrà decidere se accontentarsi delle pur elevate prestazioni fornite da una vela Standard (spesso superiori a quelle di molte Classe 3 di pochi anni fa), oppure se impegnarsi maggiormente con una vela Performante o da Competizione.

TAGLIA

Èimportante prendere un parapendio adatto al proprio peso (ogni costruttore ne fornisce da 2 a 4 modelli); si ricordi che un'ala piccola (relativamente al peso del pilota) risulterà più maneggevole e più veloce, mentre una grande avrà un minor tasso di caduta ma risulterà più inerte nelle manovre e più "vulnerabile" alle turbolenze.

PESO

Le differenze di peso tra i diversi modelli si giocano su pochi chili od etti, ma chi intende fare del paralpinismo (meno semplice di quel che si pensi) può mostrare una giusta attenzione anche a questo aspetto.

COSTO

Come in tutte i settori anche in questo si possono trovare marche più costose di altre. Dal momento che gli standard di sicurezza dovrebbero essere uniformemente garantiti, le differenze di prezzo si traducono in genere in differenze di finiture e nel tipo di lavorazione (taglio laser, ecc..). Detto questo, una sana diffidenza nei confronti di marche sconosciute offerte ad un bassissimo costo dovrebbe indurre, quanto meno, a richiedere una valutazione preliminare ad un'esperto diverso dal venditore.

USATO

L'evoluzione del parapendio è stata così rapida che, spesso, comprare un'usato, significa dotarsi di una vela "d'altri tempi" al tempo stesso meno efficiente e meno sicura di quelle più recenti.

Sta diventando tuttavia possibile reperire sul mercato ali "usate" che non fanno pagare troppo caro (in termini di sicurezza e prestazioni) il loro minor costo: è sempre meglio rivolgersi a rivenditori od istruttori qualificati, in grado di compiere anche una accurata verifica delle condizioni del mezzo e di intervenire, se necessario, con le opportune sostituzioni. Come per le auto, il privato o l'amico possono farvi fare l'acquisto migliore (ottimo prezzo), ma anche il peggiore (e non necessariamente in cattiva fede: quando lui la comprò quella era effettivamente una delle migliori ali sul mercato, ma due anni sono tanto tempo per l'evoluzione dei parapendio).

PROVE E REGOLAZIONI

Ogni ala prima di essere venduta deve essere collaudata dal costruttore o da una persona qualificata (istruttore, collaudatore): è un sacrosanto diritto di chi acquista e non rinunciatevi in alcun caso.

In quell'occasione dovrà essere anche verificata la migliore posizione dei trim (se presenti) ed essa verrà poi mantenuta costante: più avanti, dopo aver acquisito una certa esperienza, se proprio non riuscite a resistere alla tentazione di utilizzarli, consultate dettagliatamente il produttore od il venditore, poichè ogni modello risponde in modo differente alle modifiche di assetto indotte dai trim stessi.

MANUTENZIONE

Al parapendio affidiamo la nostra sopravvivenza ed è quindi logico porre la massima attenzione e cura nella costante verifica del suo stato e nella (invero scarsa) manutenzione richiesta.

È sufficiente piegarlo correttamente e lasciarlo in un luogo asciutto evitando le temperature elevate; nel caso, al termine del volo, sia impossibile lasciarlo asciugare (pioggia, prati bagnati) è opportuno riaprire la sacca ed arieggiare la vela in un posto asciutto.

In realtà è rarissimo che la vela riporti danni per motivi diversi da quelli "traumatici" cui abbiamo fatto cenno parlando dei materiali: per questo motivo una attenta verifica, prima ed al termine di ogni volo, rappresenta la miglior manutenzione possibile. L'unico intervento che può rendersi necessario è la sostituzione dei cavi dei freni, sostituzione che è meglio lasciar fare al rivenditore (che avrà cura di mantenere esattamente la stessa lunghezza progettata dal costruttore).

RESPONSABILITÀ

La responsabilità dell'efficenza del parapendio è totalmente a carico del pilota (a differenza ad esempio di quanto avviene per il volo motore) ed inizia dal momento in cui il mezzo gli viene consegnato (ovviamente in perfetto stato) dal collaudatore o dall'istruttore.